Contratti Internazionali

Lo Studio ha acquisito una consolidata esperienza nella redazione e negoziazione di contratti internazionali sia all’interno dell’Unione europea che con Paesi extracomunitari quali, tra i più importanti (e a titolo meramente semplificativo): compravendita internazionale, condizioni generali di vendita, vendita d’impianti e macchinari, contratti “chiavi in mano”, agenzia commerciale, distribuzione (concessione di vendita), franchising, intermediari occasionali (Non-Circumvention & Non-Disclosure agreements), contratti di M&A, contratti di trasferimento di tecnologia, cooperazione industriale, joint ventures e contratti di consorzio, contratti di cessione o licenza di marchi, brevetti, know-how e software, ricerca e sviluppo.

In tale contesto vengono anche affrontate tutte le problematiche tipiche dei contratti internazionali, come, ad esempio, sul piano sostanziale, le clausole di forza maggiore e hardship, Incoterms, lettere di intenti e gentlemen agreements, garanzie bancarie, le convenzioni sulla legge applicabile, nonché sul piano processuale – e sempre a titolo puramente semplificativo – le clausole arbitrali, le clausole di proroga della giurisdizione, le “mediation-arbitration clauses” e i patti sulla prova.

Affianchiamo i nostri clienti nella negoziazione dei contratti e, relativamente alla redazione degli stessi, proponiamo soluzioni che incontrano esattamente le loro specifiche esigenze, riducendo i rischi di future controversie. Grazie ai rapporti consolidati con colleghi stranieri, siamo in grado di coprire tutti gli aspetti di un contratto internazionale (per esempio, la scelta della legge applicabile, della giurisdizione o arbitrato e il rispetto di norme inderogabili straniere).

Lo Studio ha una consolidata esperienza nell’assistere i clienti nella realizzazione di reti di agenti, di distributori e di franchising sia a livello nazionale sia a livello internazionale, vantando una specifica competenza nel:

  • redigere clausole di esclusiva, non-concorrenza ed altre pattuizioni potenzialmente restrittive;
  • valutare la compatibilità delle clausole con le norme antitrust nazionali ed internazionali per la realizzazione di reti di franchising o di distribuzione in uno o più Paesi;
  • redigere clausole in compliance con le norme inderogabili in vigore nei Paesi in cui la rete opera;
  • risolvere eventuali controversie sia in Italia sia all’estero relative ai contratti di agenzia, distribuzione e franchising.